Storia e storie

Racconti

venerdì 12 ottobre 2018

Montesanto


Larghi e strade

Montesanto

C’era una volta, a Napoli,   un grande esteso vallone,  coperto da boschi di ulivi e pini (da cui il nome Olivella e Pignasecca,  “secca” perché i pini si seccarono improvvisamente in maniera inspiegabile), ai piedi della collina del Vomero. Per salire e scendere si usavano sentieri scoscesi e grezze scalinate:  ancora oggi possono essere percorsi, naturalmente solo a piedi,  le “pedemontine”, come quelle che partono da S. Martino, o il Petraio o anche i  Cacciottoli o ancora la salita san Francesco, da via Belvedere.
Tutta l’area era fuori le mura occidentali della città: chi usciva dalle porte chiamate Romana e Donnorso,   si trovava davanti a una grande  vallata attraversata da un fiumiciattolo, il Sebeto, una volta  alimentato da acque  provenienti dalle colline di Capodimonte e del Vomero, poi sempre più asciutto.  Pochi edifici di carattere religioso sorgevano dalle colline al mare e anche qualche torrione di guardia, fino alla costruzione del Castelnuovo.
Chiesa di Montesanto
Fu poi il ben  noto  don Pedro di Toledo che, nel 1534, avviò una serie di interventi urbanistici ed edilizi che allargarono la città e la trasformarono completamente. Le antiche mura medievali   furono consolidate e allargate, inglobando nella città nuovi territori, come la strada che continua a portare il suo nome, i Quartieri spagnoli e, a fianco a questi, l’area della Pignasecca e di Montesanto.
Le nuova murazione occidentale saliva  dalla odierna chiesa dello Spirito Santo,   attraverso la vallata di Montesanto, fino  ad  meza falda del monte de santo Erasmo”( S. Elmo),  da dove poi riscendeva  verso la Playa, cioè Chiaja,  e Santa Lucia, per poi ricollegarsi ai bastioni e alle casematte di Castelnuovo dalla parte di mare.(oggi Molo Beverello e piazza Municipio).
 Gli storici non sono tutti d’accordo sul tracciato di queste mura, poiché alcuni pensano che arrivavano fin sopra la punta più alta del Vomero, a S. Elmo, dove già c’era il Castello e la Certosa di S. Martino.
Ai piedi della collina, le nuove mura scorrevano, prima di iniziare la salita,  lungo la laterale dell’ odierno Ospedale dei Pellegrini,  fondato nel 1570 dal cavaliere gerosolimitano don Fabrizio Pignatelli (  si faccia attenzione a questo cognome " Pigna...." ), su un suolo di sua proprietà. Restavano fuori dalle mura  l’attuale Piazza Montesanto, l’Olivella e la via Tarsia.
L’area dell’attuale via Tarsia, fu proprietà  degli  Spinelli, famiglia aristocratica del XVI secolo,  principi di Tarsia,  città calabrese della provincia di Cosenza. Gli Spinelli, dovendo trasferirsi a Napoli  capitale, e alla Corte vicereale, dovettero trovarsi un ‘abitazione degna di tanto nome e fecero edificare  un  palazzo monumentale.  Raccontano gli storici dell’arte, che il palazzo era qualcosa di veramente imponente e grandioso:  occupava tutta la zona a monte della chiesa di S. Domenico Soriano al largo del Mercatello, si estendeva  dal Cavone all’attuale piazza  Mazzini, da salita Pontecorvo a Montesanto e aveva un grandioso giardino.  Con l'estinzione della famiglia Spinelli,   sia il giardino sia il palazzo furono variamente riutilizzati. Il piano terra,   ad esempio fu trasformato prima in cinema, l’ Astoria, e poi nel teatro  “Bracco”,  dedicato al commediografo Roberto Bracco. A fianco era l’Istituto nautico. Tutti i viali di questa abitazione, grandi e piccoli, costituiscono oggi le strade e i vicoli della zona, l’attuale piazzetta Tarsia sembra sia stata niente altro che il cortile interno del complesso.
Vico Spezzano
Nel XVII secolo, nel vallone ai piedi della collina del Vomero, fu fondata una chiesa, detta  di Santa Maria di Montesanto,  ad opera di una comunità di Frati Carmelitani provenienti da un omonimo monastero  siciliano.  Da lì nacque il nome, e   si diffuse a tutta la zona e quindi alla piazza attuale. In quella Chiesa  si trova la tomba del musicista Alessandro Scarlatti.
 Restata ancora fuori le mura, gli abitanti della zona e delle colline che volevano entrare in città, dovevano arrivare al vicino largo del Mercatello e entrare per la porta Reale, che si trovava all’ altezza della chiesa dello Spirito Santo.
Essi non amavano questo tragitto e alcuni di loro, probabilmente sull’esempio di quanto era accaduto anche  con  Port’ Alba qualche anno prima,  cominciarono a scavare di nascosto, “ nu’ pertuso “ – un pertugio, un buco - per poter passare almeno uno alla volta.
Racconta Giuseppe Porcaro ne “ Le Porte di Napoli”( ed. Del Delfino), ..”..uno sconcio Pertuso, quindi, fu fatto da quegli abitanti nel muro occidentale della città, presso Montesanto, attraverso il quale, per la via dell’Olivella, i collinari di S. Martino accedevano nella capitale, raggiungendo agevolmente i centri storici e commerciali e l’area portuale.”.
Le Autorità, dopo vari inutili interventi di riparazione, presero atto della situazione e viste le continue petizioni degli abitanti, per consentire il passaggio regolare di tutti quelli che andavano e venivano dalla  collina,  nel 1640, Don Ramiro Nunez de Guzman, duca di Medina,  fece costruire una Porta che prese il suo nome, “Medina”. La nuova porta, si trovava, secondo gli storici, più o meno tra l’ingresso dell’ospedale dei Pellegrini e la strada che lo costeggia,   quasi di fronte alla stazione della Cumana e della funicolare. Fu l'ultima porta ad essere costruita e  fu anche l'ultima ad essere demolita nel 1873, ma  del nome di Portamedina resta traccia ancora oggi nella toponomastica della zona. Sul largo, il vico Spezzano, luogo di memorie personali,  arrivava – e arriva – dalla piazza Mazzini.
 Montesanto stava cambiando.  Dopo qualche anno, nel 1892,   fu inaugurata la ferrovia Cumana che doveva portare, passando per Pozzuoli, fino a Cuma e Torregaveta. La linea andò avanti a vapore fino al 1927, quando fu elettrificata. Alla partenza da Napoli, la Cumana entrava immediatamente nella galleria scavata sotto la collina del Vomero, che, da quanto mi raccontavano, servì da rifugio antiaereo durante la guerra.

FUunicolare
Negli stessi anni   era stato inaugurato il Rione Vomero e quindi fu messa in cantiere la funicolare,  inaugurata nel 1891. La funicolare  si inerpicava su per la collina, era tutta di legno, fino a metà anni 60 del XX secolo, dai sedili alle porte che dovevano essere chiuse  una a una dal macchinista. Oggi   è stata modernizzata, con apertura e chiusura automatica delle porte, rinnovata all’interno e ripulita.
A due passi dal largo di Montesanto, proprio alle spalle, troviamo la Piazzetta Olivella dove fu installata la stazione della metropolitana di Napoli, oggi detta linea 2, ma   è la più antica poiché in funzione dal 1925.
.La Pignasecca è ancora zona di grande mercato, dalla frutta e verdura al vestiario, dal pesce a articoli casalinghi, con piccole trattorie tipiche,  caratterizzata da una folla che lavora, si muove, si arrangia, e da  auto e motorini che passano con difficoltà  per non parlare delle ambulanze dirette all’Ospedale che ha l’ingresso proprio su quella strada.